acc1L’accoglienza riveste notevole importanza nel processo di”inserimento” dell’anziano in casa di riposo. L’ospite, infatti, vive ed affronta una vera e propria transizione fisica e psicologica. Il cambiamento che avviene e radicale: si incontrano nuovi volti, le abitudini cambiano e gli ambienti nuovi sostituiscono quelli quotidiani e familiari.

Per queste ragioni, se il momento dell’ingresso non viene gestito correttamente, esso rischia di avere un impatto negativo sulla sfera psico emozionale dell’individuo. Si possono incontrare resistenze e difficoltà se non ci si avvale di un processo di accoglimento attento e programmato, che può avvenire solo attraverso specifici protocolli studiati e messi a punto dalla direzione generale della struttura, in stretta collaborazione con la direzione sanitaria e la direzione organizzativa e logistica.

Ex ante il momento dell’accoglienza, il personale della casa di riposo invita i familiari dell’ospite e, ove questo sia possibile, l’ospite stesso ad una visita guidata della struttura, che permetta di acquisire familiarità con il nuovo ambiente e con l’equipe che ne fa parte.

Gli ingressi nella Casa di riposo Villa Anna Campobasso sono programmati dal personale socio sanitario in coordinazione con la direzione sanitaria, e seguono l’indicazione di un orario massimo del quale ci si può presentare presso la struttura.

imageMissionGli ospiti e i familiari sono accolti dall’assistente sociale coordinatrice della Casa di Riposo “Villa Anna” Campobasso che, insieme al personale, provvederà alla fase d’inserimento in modo tale che l’imprinting avvenga nella maniera più serena possibile.

La fase successiva è la preparazione e il disbrigo delle pratiche burocratiche che avviene presso la direzione amministrativa della struttura, cui fa seguito l’accompagnamento presso il nucleo assegnato, o la cosiddetta “via di residenza”: conoscenza degli altri ospiti, dei vari ambienti, della propria camera con relativo posto letto e armadio. Le camere posso essere singole, doppie e triple a scelta dell’ospite e/ o dei suoi familiari.

L’attenzione primaria e non lasciare mai l’ospite solo, e aiutarlo gradualmente a familiarizzare con il nuovo ambiente, evitando che possa sentirsi “aggredito” o avere la sensazione di essere ricoverato in ospedale. L’equipe della struttura, a tal fine, osserverà e monitorerà quotidianamente e costantemente lo stato psico fisico dell’ospite e creerà una rete di informazioni che filtrano attraverso le competenze del personale OSS, del personale infermieristico e dell’assistente sociale. Questo consentirà di “adottare” strategie comuni con un piano d’intervento mirato per la verifica in itinere dei risultati.

Contattaci

0874 1955081

Clicca qui per inviarci un email con una tua richiesta di informazioni

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.